Influenza, il lago rischia
Non protetti 4 anziani su 10

Al Covid si va sommando la mancanza di vaccini La situazione di Mandello, Varenna, Lierna, Dervio

Influenza, il lago rischia Non protetti 4 anziani su 10
I medici e i sindaci del lago fanno sentire la loro voce preoccupata per una nuova crisi sanitaria alle porte

Il 40% degli “over 65” è senza vaccino antinfluenzale. Nell’anno dell’emergenza sanitaria quando tutto doveva andare al meglio almeno su questo fronte, considerata la situazione, i vaccini scarseggiano.

E se nelle grandi città al situazione è complicata non da meno nei paesi, anche in quelli piccoli dove i Comuni si sono dati da fare per programmare al meglio la campagna vaccinazioni, mettendo a disposizione gli spazi, con l’ausilio di gruppi di volontari per assicurare il rispetto delle norme sanitarie.

A Lierna una trentina di “over 65” sono in lista d’attesa, a Mandello sono una sessantina, a Varenna attorno alla trentina e a Dervio c’è un punto interrogativo perché sarebbero sui trecento coloro che potrebbero richiedere il vaccino, con l’arrivo previsto per solo una quarantina di dosi. Una situazione complicata. «Abbiamo una trentina di persone che attendono di essere contattare per il vaccino antinfluenzale - spiega Silvano Stefanoni, sindaco di Lierna - il nostro medico ha già fatto la richiesta ma al momento è ancora in attesa della fornitura. Purtroppo non abbiamo idea delle tempistiche, nell’anno che doveva essere tutto programmato al meglio mancano i vaccini e mi augurio che non arrivino quando già gli interessati avranno preso i malanni di stagione».

Una trentina e più i varennesi che attendono. «La richiesta è stata subito inoltrata, al momento non abbiamo tempistiche certe, appena avremo informazioni organizzeremo subito ilò trasporto verso l’ambulatorio come abbiamo fatto per al prima chiamata», spiega il sindaco Mauro Manzoni.

A Dervio «sono trecento più o meno coloro che potrebbero richiedere il vaccino, visto che fatta una parte di vaccinazioni, finite le dosi si è interrotto tutto. Non sappiamo quanti chiederanno di essere vaccinati con il secondo turno. Come Comune avevamo messo a disposizione la sala civica come luogo di riferimento, adesso i medici procederanno direttamente nei loro ambulatori - rimarca il sindaco Stefano Cassinelli -. È previsto l’arrivo di una quarantina di dosi ma non c’è una data». Ipoteticamente si parla di una nuova fornitura entro il 15 dicembre ma il rischio è che i vaccini arrivino con l’influenza già diffusa.

Era andato tutto al meglio a Mandello, fino a sabato quando le dosi di vaccino sono finite. Una sessantina gli “over 65” in lista d’attesa.

«Si tratta di una sessantina di persone tra chi aveva la chiamata l’ultimo giorno e altri che dovevano recuperare, i medici hanno l’elenco dei nomi preciso, ed è già stata fatta richiesta per avere i vaccini che mancano - diceva già ieri il sindaco Riccardo Fasoli -. I medici del paese hanno già sollecitato le richieste e noi li sosteniamo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True