Giovedì 18 Luglio 2013

Insultare i vigili costa 1.800 euro

Donna di Cantù, pace in tribunale

La sede del tribunale di Cantù

Se si è disposti a pagare e se gli offesi sono d’accordo, si può commettere oltraggio a un pubblico ufficiale e poi far estinguere il reato.

Non solo: con il risarcimento, ci si rende protagonisti di un atto di pubblica utilità. Perché parte della cifra finisce persino nelle casse del Comune di Cantù, mai così vuote come in questo momento storico. Questo è quanto accaduto a una combattiva automobilista 61enne: con 1.800 euro ha saldato il suo conto con la giustizia. Il processo si è giocato direttamente sulle carte ieri mattina, nell’aula penale del Tribunale di Cantù. Il Comune di Cantù ha accettato l’offerta di risarcimento della donna. E la vicenda si è definitivamente chiusa.

Il servizio su La Provincia in edicola giovedì 18 luglio

© riproduzione riservata