Intervista ad Alessandro Di Battista:   «Lavoro e i più deboli priorità assolute»
Alessandro Di Battista durante un comizio a Como

Intervista ad Alessandro Di Battista:

«Lavoro e i più deboli priorità assolute»

Parla l’esponente di primo piano del Movimento 5 Stelle: dall’analisi sull’Italia a una curiosità comasca

Sta girando l’Italia in camper anche se ha deciso di non ricandidarsi. Alessandro Di Battista, 39 anni, è uno dei leader del Movimento 5 Stelle.

Il Movimento Cinque Stelle in Lombardia e a Como non ha ottenuto grandi percentuali.Alle comunali il 5.5%.Alle politiche e alle regionali cosa vi aspettate di ottenere?

Non faccio mai previsioni perché di solito si sbagliano. Stiamo lavorando tanto, da cinque anni in Parlamento. Credo che in generale il Paese abbia delle enormi difficoltà e spero che i cittadini diano un’opportunità a coloro che non sono responsabili. Poi per le percentuali vedremo.

Ora o mai più, è questa la vostra vera grande occasione?

Più che al Movimento 5 Stelle penso al Paese. Io lo sto girando in lungo e in largo con il camper ed è un Paese in macerie. Ci sono problematiche diverse da nord a sud, ma ad esempio quelle ambientali sono enormi ovunque. Si parla di rifiuti e della terra dei fuochi in Campania, ma ci sono terre dei fuochi e zone incredibilmente inquinate e con un’incidenza di tumori altissima anche in Lombardia.

Cosa risponde a chi dice che non avete esperienza e che dove governate ci sono problemi?

Roma gli “esperti” ce l’hanno lasciata con 15 miliardi di euro di debiti.

L’intervista completa su La Provincia del 28 febbraio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA