Intrighi e balletti  Sul lago con i vip della Scala
1 La casa di Sofia Fuoco

Intrighi e balletti

Sul lago con i vip della Scala

La guida Gigliola Foglia ha scavato negli archivi

Non c’è solo la Peluso che restaurò Villa d’Este

Oltre a lei e alla Taglioni altre storie sulle punte

Sul lago di Como hanno ballato, sono state amate, si sono sposate con uomini ricchi, hanno divorziato, si sono risposate con altri uomini ricchissimi, hanno avuto figli, hanno avuto amanti, hanno dato scandalo, hanno fatto beneficenza, aiutato gli orfanelli, devoluto i compensi dei balletti ai bambini poveri e lasciato le loro eredità alla parrocchia.

Lunga lista

Le ballerine che hanno abitato sul lago sono più di quanto non si sapesse e ci sno anche due maestri famosi: Pierina Legnani a Pognana, Maria e Filippo Taglioni a Blevio, Rita Sangalli a Carpesino d’Erba, Sofia Fuoco a Carate Urio, Giuditta Turina Moltrasio Vittoria Peluso sposata Pino a Cernobbio, il maestro Nicola Guerra con moglie Livia a Cernobbio, come il maestro Carlo Blasis con la moglie Annunciata. La mappa completa l’ha scoperta da poco Gigliola Foglia, guida turistica, traduttrice, due lauree, in lingue medievali e in lettere medievali, diploma di archivista paleografo. Una narratrice che quando ti racconta le storie le vedi. E le storie di queste donne e questi uomini del balletto sono eccitanti come quelle di Greta Garbo in Grand Hotel anche se forse sono meno famose dell’amore di Rudolph Nureyev per Capri. «Una delle ballerine storiche era Maria Taglioni che abitava a Blevio - dice Foglia -. Una ballerina famosa per il suo talento quanto per i suoi scandali, la prima forse ad aver indossato le scarpette a punta o almeno la prima che le fece diventare d’ordinanza. Era sposata con il nobiluomo Gilbert des Voisins, ma aveva così tanti amanti che c’erano dubbi perfino di chi fossero i figli anche se lui li riconobbe sempre». La figlia, Maria Eugenia, sposò il principe russoTroubetzkoy che era stato per anni uno degli amanti della madre e abitò a Blevio a Villa Troubetzkoy.

Ampio servizio su la Provincia in edicola martedì 5 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA