Lunedì 27 Aprile 2009

La Croce rossa in Abruzzo
Quattromila pasti alla volta

BUSTO ARSIZIO La Croce Rossa di Busto Arsizio in prima fila per coordinare i volontari del soccorso in Abruzzo. Sono arrivati a L’Aquila sabato mattina alle 10, i due volontari del Comitato Locale della Croce Rossa di Busto Arsizio, Mirco Gaio, delegato alla Protezione Civile e Alberto Bonfiglietti,  allertati  la sera di venerdì per raggiungere il capoluogo abruzzese.
COMPITO IMPORTANTE
«Da qui coordiniamo 8 campi di primo soccorso e distribuiamo più di 4mila pasti che vengono successivamente smistati - racconta Mirco Gaio - I volontari della Cri in arrivo da tutta Italia vengono mandati  in questo campo dove si decidono interventi  e destinazioni. Il lavoro è tantissimo e la pioggia che continua a cadere non aiuta. Posso dire che la situazione pian piano si sta evolvendo e che i volontari stanno facendo del loro meglio». Una volontaria del soccorso, infermiera di professione e una crocerossina volontaria del comitato di Busto sono già all’ospedale di Teramo dove per soccorrere i numerosi pazienti ricoverati.  Altre due crocerossine della città sono invece lungo la costa adriatica per portare supporto psicologico.

SOLIDARIETA' Intanto sabato sera nell’ambito della festa di San Giuseppe sono stati raccolti circa 5mila euro, con oltre 350 porzioni di Paella distribuite e offerte dalla gastronomia Crespi. Prosegue anche il gemellaggio solidale tra Fagnano Olona e Fagnano Alta. Dal paese della Valle Olona è partita una vera e propria gara di solidarietà per aiutare il comune abruzzese che porta lo stesso nome. «Finalmente dopo 10 giorni il sindaco di Fagnano Alta, Mauro Fattore, è riuscito tra mille difficoltà a rispondere alla mia mail – fa sapere il primo cittadino di Fagnano Olona, Santino Rossi – la situazione è piuttosto disperata, continua a piovere e tutti i 500 abitanti sono stati sfollati dalle loro abitazioni». Fino ad oggi sono stati raccolti più di 3mila e 500 euro, ma è già prevista una tre giorni di festa nell’ area di via De Amicis, che si svolgerà il 15,16 e 17 maggio per raccogliere ulteriori fondi e aiutare  la “Fagnano d’Abruzzo”. La prima serata è promossa dagli Amici dell’asilo, le giornate seguenti sono organizzate dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Pro Loco e le più importanti associazioni del paese, con gare di basket, concerti, pranzi e cene: «Se non dovessero esserci complicazioni sarà nostro ospite anche il sindaco di Fagnano Alta a cui a fine maggio consegneremo i fondi raccolti – annuncia Rossi – Sappiamo che il paese ha bisogno di acquistare case prefabbricate in vista dell’inverno. Sono rimasti in 500 e non intendono abbandonare la loro terra di montagna e le loro tradizioni. L’amministrazione ha già espresso la sua volontà nel fare uno sforzo ulteriore per la causa».
Valeria Arini

a.savini

© riproduzione riservata