Domenica 01 Febbraio 2009

"La vita di mia figlia
vale solo 14 anni di prigione?"

OLGIATE - Mentre giudici e politici si scontrano sulla riforma della giustizia, alcune sentenze suscitano scandalo. L’ultimo caso è quello di Tamara Monti, la ragazza dei delfini, uccisa il 2 febbraio 2007 a Rimini da un giovane vicino di casa. Ora la mamma e la sorella di Tamara si ribellano alla sentenza che ha dato solo 14 anni all’omicida. «Con la scusa della follia - dice la mamma di Tamara - si può uccidere una persona e avere anche una seconda possibilità - Tamara purtroppo non ce l’avra, riposa in una bara, per lei non ci sono sconti di pena». «E’ stato come ucciderla due volte» afferma la sorella Sabrina. Ma quello di Tamara non è l’unico caso: Vito Cosco uccise 4 persone (tra cui una bimba) a Rozzano nel 2003: 20 anni di pena complessivi; a Delfino e Jucker 16 anni per l’uccisione delle fidanzate. 

m.schiani

© riproduzione riservata