L’addio al presidente della banda  «Un trascinatore attento ai giovani»
Angelo Ferrario, a destra, durante una delle ultime feste per Santa Cecilia

L’addio al presidente della banda

«Un trascinatore attento ai giovani»

Appiano Gentile Angelo Ferrario aveva 72 anni

Aveva lavorato alla Ricordi dove stampava partiture musicali

Corpo musicale appianese in lutto per la morte del presidente Angelo Ferrario. Malato da tempo, è deceduto oggi (giovedì) a 72 anni. Lascia la moglie Anna, i figli Francesca e Andrea e i suoi tre adorati nipoti.

Aveva lavorato alla Ricordi – stampava partiture musicali – e in seguito si era messo in proprio.

La notizia della morte ha suscitato profondo cordoglio in paese, dove era molto benvoluto e stimato.

«Era presidente del Corpo musicale appianese dal 2012, ma già anni prima era attivo come consigliere e come componente della banda – ricorda il vicepresidente Daniela Tettamanzi – Era molto carismatico, un vero trascinatore. Era appassionato della banda nel suo complesso, ma ha sempre avuto un occhio di riguardo per i giovani. Ci teneva molto alla scuola di musica e alla banda giovani. Suonava il contrabbasso, ma nella banda giovani si era rimesso in gioco, prendeva lezioni di euphonium. A conferma di questa attenzione per le nuove generazioni aveva incentrato l’ultimo nostro calendario sui giovani, pubblicando tutte fotografie di ragazzi della banda giovani. Curava sia l’aspetto amministrativo, che musicale. Era attivo anche nelle varie feste, una grande perdita».

Concordano i tanti che hanno collaborato con lui.

I funerali si svolgeranno sabato alle 11 nella chiesa prepositurale, preceduti alle 10.30 dall rosario.
Manuela Clerici


© RIPRODUZIONE RISERVATA