Margno, la terribile verità  «Elena e Diego morti strangolati»
Elena e Diego Bressi sorridenti durante una delle tante escursioni sui monti con la famiglia

Margno, la terribile verità

«Elena e Diego morti strangolati»

L’autopsia: non soffocati, ma uccisi a mani nude

Continuano le ricerche del telefono del padre omicida

Elena e Diego sono stati strangolati a mani nude. Il papà Mario Bressi è invece morto per i gravissimi traumi conseguenti al volo di quasi cento metri dal ponte della Vittoria a Cremeno.

Per conoscere le condizioni psichiche dei due gemellini a cui l’uomo ha tolto la vita nella notte tra venerdì e sabato nell’appartamento delle vacanze dei nonni a Margno, ossia se – in un atto di pietà - siano almeno stati sedati prima di essere uccisi, sarà necessario attendere l’esito dell’esame tossicologico, disposto dal magistrato inquirente Andrea Figoni insieme all’autopsia, eseguita ieri a partire dal primo pomeriggio dal primario emerito di Anatomopatologia dell’ospedale di Lecco Paolo Tricomi proprio al Manzoni. Ci vorrà qualche settimana.

Continua intanto la ricerca del cellulare di Mario Bressi, non presente nell’abitazione di via Privata a Margno quando i carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri di Lecco l’hanno perquisita. Lunedì sono stati trovati i telefonini dei due piccoli, in una campana del vetro nella zona del piazzale della funivia, a due passi dalla casa del delitto.

L’articolo completo e gli altri servizi sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA