Mariano, cani in passerella  Sfilata per aiutare i randagi
Ex ospiti dei canili in attesa di sfilare (Foto by Bartesaghi)

Mariano, cani in passerella

Sfilata per aiutare i randagi

Un successo la festa degli Amici del Randagio che gestiscono i canili di Mariano e di Erba

Tre è un numero perfetto. Come la terza edizione di “Dammi la zampa-la sfilata del cuore”, organizzata oggi, domenica 10 maggio, dagli Amici del randagio.

L’area feste di via Santa Caterina a Mariano è stata invasa, dal mattino fino al tardo pomeriggio, da una marea di appassionati dei nostri amici a quattro zampe. Il clou è stata la sfilata, che ha attirato l’attenzione nel primo pomeriggio, a partire dalle 14.30. A far funzionare la macchina organizzativa una trentina di volontari dell’associazione, che si occupa dei canili di Mariano e di Erba.

La giornata, accompagnata da un tempo splendido, è iniziata alle 11 con l’apertura delle iscrizioni alla sfilata. A mezzogiorno apertura ufficiale della festa e mezz’ora dopo tutti a tavola per il pranzo. «Un pranzo speciale -sottolinea Marco Folloni, presidente de “Gli amici del randagio” -. Rigorosamente vegetariano e a km. zero, preparato dai nostri amici de Il Mosaico, un’associazione di Bulgarograsso». Nel pomeriggio è esplosa la festa con la sfilata, alla quale hanno partecipato anche diversi ospiti dei canili di Mariano e Erba, felicemente adottati.

Tutto il ricavato della manifestazione sarà utilizzato per il mantenimento degli ospiti dei due canili, gestiti dall’associazione che si occupa anche di Pet therapy e di mobility dog (una dimostrazione di questa speciale attività che permette all’animale di essere impegnato anche mentalmente, scaricando così la tensione è stata proposta nella festa).

Per coloro che volessero dare una mano, sono previste diverse opportunità. È possibile portare del cibo in scatola, delle crocchette, del riso e della pasta, sempre graditi dall’associazione che mediamente si occupa di 80/90 cani.

«Un numero importante -spiega Folloni - che però va rapportato al bacino d’utenza che è di quattordici Comuni e di 120.000 abitanti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA