Martedì 27 Agosto 2013

Multe scontate

Ecco come fare

Como

Una corsa contro il tempo per i comandi delle polizie locali, costretti a modificare a penna e con fogli supplementari i blocchetti delle multe, anche per evitare, in caso di scarsa chiarezza, i potenziali ricorsi degli automobilisti. I quali, da qualche giorno, hanno una possibilità in più: pagare la quasi totalità delle contravvenzioni - l’eccezione sono le contestazioni più gravi - con uno sconto del 30%, per chi salda entro cinque giorni dalla data del verbale. Nonostante le vacanze estive, sul territorio provinciale sono almeno una ventina gli automobilisti che, nella prima settimana, hanno chiesto e ottenuto la riduzione. A vantaggio dei municipi, pronti a contare su una disponibilità liquida pressoché immediata, senza dover così inviare a domicilio dei trasgressori notifiche e cartelle esattoriali.

Premiata la puntualità

A Erba, il comando ha pubblicato sul sito Internet del Comune una tabella con i valori delle contravvenzioni. In versione integrale, con il conto canonico già previsto dal codice della strada, e scontata, con la diminuzione del 30% per chi, dal 21 agosto, data in cui è entrata in vigore la novità, intende avvalersi della facoltà di pagare in termini brevissimi la multa.

Le contravvenzioni non sono mancate. «Sono una ventina, da giovedì a oggi, gli automobilisti che hanno pagato la multa in questo nuovo modo - comunica Giovanni Marco Giglio, comandante della polizia locale di Erba - le informazioni sono in Rete, ma siamo pronti a dare chiarimenti anche di persona. Si tratta in gran parte di divieti di sosta».

Come indicare i due prezzi e il termine dei cinque giorni per lo sconto? Nello scarso tempo a disposizione per i dovuti adeguamenti, ogni comando ha pensato alla propria soluzione. «Noi indichiamo direttamente a penna la sanzione scontata del 30% - afferma Giglio - chi vuole avvalersi dello sconto, paga per il preavviso ricevuto entro cinque giorni, senza ricevere il verbale. Mentre nei verbali verrà messo che se paga entro cinque giorni dovrà versare una cifra, entro sessanta un’altra».

Cantù ha adottato come soluzione la carta carbone per una nota complementare. E in attesa che il sito del Comune pubblichi il documento di 35 pagine firmato dal comandante Marco Baffa, le spiegazioni vengono già date dagli agenti al momento della contestazione. «A Cantù, per ora, sono due gli automobilisti che hanno pagato direttamente allo sportello del comando con lo sconto. Immaginiamo che ve ne siano anche altri, nei prossimi giorni sapremo quanti versamenti sono arrivati sul conto corrente - premette Baffa - le disposizioni del Ministero sono chiare anche per i veicoli non assicurati: qualora venga riattivata la polizza vi è comunque la possibilità di pagare con il 30% di sconto. Per evitare i ricorsi dei consumatori, ed essere chiari, abbiamo preparato dei prestampati da unire ai verbali e da far sottoscrivere su carta chimica. E inoltre sono gli agenti a comunicare la possibilità direttamente all’automobilista, nell’attimo in cui viene elevata la contravvenzione».

Postilla a biro

A Mariano Comense, dal comando retto da Giulio Fiorentino, filtra qualche particolare. I verbali vengono aggiustati in più modi, tra cui l’aggiunta a penna dello sconto. Valido? Sì, si ricorda, perché è come una postilla scritta con la biro su un contratto di assicurazione.  

© riproduzione riservata