Nuovo Palasampietro  «Onorare la Comense»
Una vista del Palasampietro

Nuovo Palasampietro

«Onorare la Comense»

Casnate: continua il dibattito sul nome dell’impianto

che si vorrebbe intitolare alla gloriosa società

Fanno discutere la proposta del sindaco Fabio Bulgheroni e la conseguente petizione della Polisportiva Comense di cambiare nome al Palasampietro, il palazzetto che sta per tornare a nuova vita con la capienza riportata a duemila spettatori.

“Pala Mister X” secondo il sindaco (che ha in mente di titolarlo a uno sportivo comasco scomparso recentemente), PalaComense1872 invece per la società nerostellata, mentre per altri dovrebbe rimanere Palasampietro.

«La nostra proposta non vuole creare polemiche nei confronti di nessuno – precisa Guido Corti, presidente della Pol.Comense - E abbiamo già ringraziato pubblicamente le due Amministrazioni di Casnate con Bernate e di Como per il lavoro svolto per mantenere aperto l’impianto. Avevamo però già intenzione di chiedere il cambio di nome prima ancora che si aprisse questo dibattito. E l’unico modo per divulgare la nostra idea è stato quello di aprire una petizione. In pochi giorni siamo arrivati a una settantina di firme, stanno rispondendo nomi storici della Comense come pure gente che non conosco. Nel frattempo abbiamo mandato in Comune una richiesta ufficiale».

Perché PalaComense1872 ? «Il palazzetto sta sponsorizzando qualcuno che non c’entra più e che dopo 30 anni è stato già ripagato nel tempo. Se vogliamo cambiare nome, visto che per fortuna non ci sono giocatrici scomparse a cui intestarlo, sarebbe l’occasione per tutti gli sportivi per riconoscere i meriti e la storia di questa società ultracentenaria che fra l’altro l’ha costruito. Gli atleti che ci mettono piede non possono che essere onorati di venire a giocare in un palazzetto dal nome così importante».

E Aldo Corno, allenatore della leggendaria Comense, aggiunge: «Potrebbe rimanere così per sempre. Ma se si decide di cambiare, mi sembra che PalaComense 1872 sia l’ideale».

Tutte le novità e i pareri su La Provincia di giovedì 9 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA