Domenica 07 Luglio 2013

Pitbull libero in Valbasca

«Può uccidere, fermatelo»

Un pitbull “ricercato” a Lipomo

Un pitbull feroce e senza guinzaglio si aggira nei prati della Valbasca, a Lipomo. Il primo a farne le spese è stato Whiskey, un tenero golden retriever di proprietà di Giuseppe Giacalone.

«Dietro casa mia, via La Torretta, ci sono splendidi sentieri che da Lipomo portano verso Montorfano - racconta Giacalone -. Io e i vicini portiamo sempre a spasso i cani. Erano circa le nove di giovedì sera quando abbiamo visto questo pitbull senza corda arrivarci incontro». Nero, con un collare borchiato, con due salti e un morso ha affondato i denti nel muso del povero Whiskey. Risultato un taglio di otto centimetri tra naso e mandibola. «Ho urlato al mio cane il comando fermo, infondo al sentiero c’erano i due padroni del pitbull, ma non si sono mossi. Whiskey è molto mansueto, al contrario l’altro era assai feroce».

Il servizio su La Provincia in edicola domenica 7 luglio

© riproduzione riservata