Lunedì 28 Ottobre 2013

Ponzate, il parroco contro le maestre

«Zucche vuote, festeggiano Halloween»

Una vetrina allestita per la festa di Halloween, tradizione americana importata dagli Usa

Da alcuni anni Halloween è entrato di prepotenza a far parte delle nostre feste non istituzionali, muovendo un nuovo fenomeno commerciale che ha avuto origine e grande rilevanza negli Stati Uniti e in Canada, salvo poi diffondersi a macchia di leopardo anche in Europa. A Tavernerio i bambini della scuola primaria si stanno preparando a festeggiare questa ricorrenza e le maestre dell’istituto don Milani di via Risorgimento hanno invitato i ragazzini ad andare in classe, giovedì, travestiti con i costumi macabri di questa ricorrenza.

Alcune mamme di Ponzate, decisamente contrarie a questo invito, si sono rivolte al parroco della frazione don Agostino Clerici che le ha consigliato di parlarne direttamente con le insegnanti. Intanto sul suo profilo Facebook, don Agostino ha postato un messaggio il cui contenuto è decisamente inequivocabile: «Ci risiamo - ha scritto il parroco -. Torna la follia di Halloween. Le scuole già si stanno preparando per festeggiare una ricorrenza divenuta in pochi anni appuntamento fisso della cultura e della didattica (sic). Succede anche nella scuola elementare di Tavernerio. Alcune mamme mi dicono che le maestre invitano i bambini ad andare in classe giovedì prossimo, travestiti da cadaverini o scheletrini o vampirini... La solita zucca vuota di chi dovrebbe insegnare! E sono poi le stesse maestre che dicono che nel prossimo Natale nella realtà scolastica non si può parlare di Gesù per rispetto dei… musulmani. Già, una cosa ridicola, come se Natale non avesse nulla a che fare con Gesù e come se i musulmani non conoscessero il nome di Gesù (presente nel Corano) e ne fossero disturbati. Beata ignoranza di chi dovrebbe insegnare. I genitori dotati di ragione - non solo i buoni cattolici - dovrebbero ribellarsi a simili proposte diseducative e quel giorno mandare a scuola i propri figli vestiti semplicemente… da bambini che vanno a scuola…».

La questione è destinata senz’altro a tenere banco anche nei prossimi giorni, così come già accaduto in passato, visto che quello delle feste nelle scuole - feste religiose o feste radicate nella tradizione popolare - è un tema sempre caldissimo.

«Non sono a conoscenza di questo problema - ha replicato ieri il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Don Lorenzo Milani, il professor Domenico Foderaro -. Nella scuola c’è sempre stato un grande rispetto per tutte le religioni. Posso sicuramente tranquillizzare i genitori che approfondirò la questione non appena sarò a Tavernerio». Insomma, qualche mamma si aspetta, probabilmente, un chiarimento. Di certo c’è che non sarà soltanto la scuola di Tavernerio a festeggiare Halloween. n

© riproduzione riservata