Porlezza e le code infinite  «Quel semaforo non basta»
Secondo il sindaco le code all’ora del rientro sarebbero state causate dai lavori per il ponte

Porlezza e le code infinite

«Quel semaforo non basta»

Frontalieri esasperati: «Personale per regolare il transito delle auto»

Ma il sindaco frena: «Colpa dei lavori al ponte, il peggio è passato»

Code chilometriche, che a volte arrivano dall’incrocio di Porlezza fino a Cima.

Le lamentano i frontalieri, che a più riprese hanno già segnalato il problema negli ultimi tempi. All’ora di rientro dalla Svizzera, tra le 17 e le 19, il semaforo di Porlezza causerebbe ogni giorno un inevitabile ostacolo per il flusso dei lavoratori, con perdite di tempo notevoli e nervi a fior di pelle.

Appello al Comune

L’Amministrazione di Porlezza ha annunciato che a ottobre inizieranno finalmente i lavori di realizzazione dell’attesa rotatoria destinata a sostituire il semaforo, ma in vista dell’estate il segretario del sindacato Unia per il frontalierato, Sergio Aureli, lancia un appello.

«Al Comune di Porlezza - dice - chiediamo di mettere a disposizione un moviere nelle ore di punta». Ma per il sindaco le code erano legate ai lavori di rifacimento dell’asfalto del ponte.

Ampio servizio su La Provincia in edicola mercoledì 12 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA