Posti per i disabili in ospedale  A Mariano tornano gli abusivi
12 Due autoabusive pizzicate nei posti per disabili ieri mattina all’ospedale“Felice Villa” di Mariano3 Un’auto al posto per i disabili ieri mattina all’Iperal

Posti per i disabili in ospedale

A Mariano tornano gli abusivi

Dopo la denuncia de “La Provincia” erano spariti, ieri ne abbiamo pizzicati altri due. Un’auto è di un dipendente del “Felice Villa”. Ancora “furbetti” all’Iperal

La tregua è già finita. All’ospedale di Mariano Comense sono tornati in azione i furbetti dei parcheggi per disabili. E stavolta, tra quanti hanno occupato senza permesso il posto riservato ai portatori di handicap, c’è anche un dipendente del “Felice Villa”.

Nel cortile interno della struttura sanitaria, infatti, ci sono tre spazi assegnati a utenti diversamente abili. Ieri, verso mezzogiorno, tutti e tre i posti erano occupati. Ma una sola vettura esibiva il contrassegno per i disabili. Le altre due macchine ne erano sprovviste e, inoltre, una di queste esponeva sul cruscotto il tagliando riservato ai dipendenti dell’azienda ospedaliera Sant’Anna, che gestisce la struttura.

Eppure, nei due giorni precedenti, dopo la pubblicazione delle foto dei “furbetti” su La Provincia di domenica, le auto dei trasgressori sembravano improvvisamente sparite dai parcheggi del “Felice Villa”. Lunedì si trovava solo la vettura di un disabile, il giorno prima i parcheggi erano vuoti.

A scoraggiare gli automobilisti indisciplinati era stato, probabilmente, anche l’avvertimento della direzione del Sant’Anna: nel caso di nuove irregolarità, sarebbe intervenuto il carro attrezzi, il tutto a spese dei responsabili degli abusi.

Ma non solo al “Felice Villa” i trasgressori sono recidivi. Lunedì il nostro giornale aveva pizzicato tre automobilisti indisciplinati davanti al supermercato Iperal, in via XX Settembre. La pubblicazione delle foto non sembra avere scoraggiato i “furbetti”, visto che ieri un’altra vettura è stata sorpresa occupare senza permesso il posto riservato ai disabili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA