Sbalzo di tensione, fiamme nelle case  Ma l’Enel non vuole risarcire i danni
Il tratto di via ai Monti dove si verificò lo sbalzo di tensione (Foto by foto casnati)

Sbalzo di tensione, fiamme nelle case

Ma l’Enel non vuole risarcire i danni

Elettrodomestici, caldaie e tv erano andati in fumo dopo un black-out ad Albavilla

Danneggiate 23 famiglie di via ai Monti: «Andremo in tribunale per farci valere»

Ventitré famiglie inferocite, attimi di panico, parecchie migliaia di euro di danni e l’incertezza di vedersi riconoscere un indennizzo.

Anzi l’Enel ha risposto picche a tutti e si profila come unica soluzione una così detta “class action” per vedersi riconoscere i propri diritti. I residenti parlano di «un picco dalla normale tensione di 220 ad una 380 volt», che nella notte del 6 febbraio scorso, tra le 2.30 e le 3, ha fatto saltare giù dal letto terrorizzati gli abitanti e fatto saltare nel giro di pochi secondi caldaie, lampadine, elettrodomestici vari e cancelli automatici dal civico 42 di via ai Monti di Albavilla, coinvolgendo le abitazioni su entrambi i lati.

A causare il sovraccarico, una manovra dalla centrale Enel a seguito di un calo di tensione per un albero di un terreno privato, che cadendo ha tranciato i fili della corrente elettrica. “Va precisato che non è stato l’albero la causa – spiega Alfio Ciceri, abitante al civico 48 – bensì la successiva scarica di corrente conseguente ad una manovra errata dalla centrale dell’Enel che, rilevando il segnale di allarme, ha inviato nella rete una tensione anomala»

Ampio servizio su La Provincia in edicola lunedì 18 aprile


© RIPRODUZIONE RISERVATA