Mercoledì 17 Luglio 2013

Scandalo Shalabayeva

La rivelazione parte da Cantù

Il deputato Nicola Molteni

«È una vicenda brutta, bruttissima. Per i risvolti umani ma anche, e soprattutto, per la figuraccia che abbiamo rimediato agli occhi del mondo in un momento in cui tutti dovremmo coltivare con ben altra attenzione la nostra credibilità internazionale».

Il deputato canturino Nicola Molteni è il parlamentare cui si deve, almeno in parte, la deflagrazione del cosiddetto scandalo kazako, cioè del caos suscitato dall’espulsione coatta dal territorio nazionale di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente Ablyazov, e della sua bambina di sei anni.

Mercoledì scorso, alla Camera, durante il “question time” - una seduta nel corso della quale un rappresentante del Governo, in questo caso direttamente il primo ministro Enrico Letta, risponde a interpellanze urgenti dei deputati - Molteni, a nome del suo gruppo, ha posto per la prima volta la questione.

Il servizio su La Provincia in edicola mercoledì 17 luglio

© riproduzione riservata