Sci di fondo, aperte le piste  Tutto esaurito in montagna
Sulle nevi della Sighignola (Foto by nicoli)

Sci di fondo, aperte le piste

Tutto esaurito in montagna

Seconde case aperte alberghi e ristoranti pieni Festa alla Sighignola

Cime imbiancate, natura e paesaggio, sci, pattinaggio, buon cibo, musica e tanti appuntamenti per il divertimento serale per questo Capodanno atteso sotto i migliori auspici.

La Valle d’Intelvi si è già riempita di turisti e villeggianti che, tra l’altro, affollano le piste perfettamente innevate del comprensorio della Sighignola.

Sono arrivati anche i proprietari di seconde case e numerose sono anche le prenotazioni in alberghi, ristoranti e agriturismi dove si è prossimi al tutto esaurito. In questi giorni sono soprattutto i turisti stranieri ad affollare gli impianti di risalita. Si tratta di vacanzieri russi in soggiorno sul lago di Como e molti svizzeri che arrivano dai comuni del Canton Ticino insieme a quelli milanesi e del varesotto. Molti i bambini a lezione dai maestri della locale scuola sci per i corsi individuali e collettivi.

Una stagione turistica iniziata sotto buoni auspici il giorno di Sant’Ambrogio grazie alle due copiose nevicate. I quaranta centimetri di neve fresca dei giorni scorsi fanno prevedere una stagione lunga che permetterà di dare una spinta a tutto l’indotto economico della Valle.

Dopo la neve , il freddo pungente, le gelate notturne, è apparso anche il sole che ha reso suggestivo e invitante l’approdo in Valle d’Intelvi.

Aperti ufficialmente le piste di sci nordico della Conca Smeralda, sulla Piana Monti nei pressi del Valico della Val Mara.

Un impianto lungo oltre 20 chilometri, unico in provincia di Como che richiama tanti appassionati dello sci di fondo da tutta la Lombardia e dalla Svizzera.

La gestione della pista è affidata ai volontari dell’Unione Sportiva Lanzo Intelvi. Ingresso giornaliero a 5 euro. Stesso costo comprensivo di noleggio pattini del biglietto giornaliero per accedere alla pista di ghiaccio di pattinaggio sul piazzale del Palalanzo sempre gestita dall’Usli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA