Si inventavano malattie e case franate

«Così hanno truffato centomila euro»

Chiesto il processo per due coniugi di Porlezza e per una parente residente a Ossuccio. Sono accusati di minacce e bugie per estorcere denaro a familiari, amici e conoscenti

Si inventavano malattie e case franate «Così hanno truffato centomila euro»
L’ingresso del palazzo di giustizia
(Foto di foto archivio)

Sono almeno una ventina le persone che sarebbero state raggirate da due coniugi di Porlezza tra il 2007 e il 2011. Quattro anni nei quali marito e moglie - con la complicità della sorella di lui - sarebbero riusciti a sfilare quasi centomila euro ad amici, conoscenti e parenti ubriacati (stando alle accuse) da una girandola di bugie.

La Procura di Como, ora, ha chiesto per loro il processo con le pesanti accuse di truffa, estorsione e sostituzione di persona.

Dovranno difendersi davanti al giudice delle udienze preliminari Ornella Adami, 58 anni di Porlezza come il marito Achille Colombi, 47 anni, e la sorella di quest’ultimo, Federica Colombi, 50 anni di Ossuccio, che in più di un’occasione avrebbe dato manforte ai coniugi fingendosi avvocato per accreditare (almeno così sostiene la Procura) le storie vendute come vere alle varie vittime di questa intricata vicenda.

LEGGETE l’ampio servizio

su LA PROVINCIA di LUNEDÌ 9 febbraio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True