Stop alle corse sulla Statale  Olgiate, «Grazie ai rondò»
Un autobus mentre percorre il tratto di Statale da poco riqualificato

Stop alle corse sulla Statale

Olgiate, «Grazie ai rondò»

Olgiate Comasco L’effetto dei lavori nel centro

Ma ci sono proteste per l’alta velocità sulla Provinciale

Corse in moto di notte sulla Lomazzo Bizzarone in direzione della Svizzera, disturbo e pericolo in agguato. In centro città, invece, le due nuove mini rotatorie hanno stoppato gare automobilistiche notturne.

Le due facce di uno stesso problema – l’alta velocità – che purtroppo coinvolge sia zone centrale, che più periferiche della città.

Moto lanciate a folle velocità di notte sono segnalate nel tratto di provinciale – via Bizzarone – con la Lomazzo Bizzarone trasformata dalla tarda sera fino a notte fonda in una pista di motociclismo. Lo segnalano alcuni residenti in zona, preoccupati da questo fenomeno che neppure il coprifuoco ha attenuato.

Tralasciando il forte rumore che infastidisce gli abitanti della zona specialmente in orari di norma riservati al riposo, vengono segnalati i rischi del percorrere quel tratto di strada di notte a velocità folli.

Il sindaco, Simone Moretti : «Trattandosi di una strada provinciale, non possiamo intervenire. Così come nella parte bassa all’altezza dell’uscita della via della Pineta, di via Sterlocchi».

Al contrario, il primo cittadino rileva con una certa soddisfazione un effetto indiretto delle due mini rotatorie da poco realizzate in forma definitiva in centro, lungo la Statale, in corrispondenza delle intersezioni con le vie Volta e Milano.

«Con questa nuova viabilità è stato posto un freno a pseudo gare automobilistiche in centro – osserva il sindaco – Me lo ha riferito un residente nella zona, nel constatare che da quando sono state ultimate le rotondine non si è ripresentato questo problema. Specialmente d’estate i residenti erano preoccupati perché in zona facevano gare automobilistiche. Partivano dalla chiesa e procedevano ad alta velocità fino all’intersezione con via Milano, lì svoltavano e andavano fino al mercato a fare testacoda e poi tornavano indietro sempre lanciatissimi. Con le due rotondine, gli spartitraffico e la segnaletica in mezzo alla carreggiata adesso ci sono impedimenti fisici che non permettono più di fare questi “numeri”».

«Con la nuova segnaletica si impediranno manovre azzardate, o pseudo gare automobilistiche estive. - conclude Moretti - Resta il problema dell’alta velocità in via Milano, così come in altre zone del paese, quali via Luraschi, via Torino, viale Trieste. Uno alla volta, cerchiamo di affrontare i vari problemi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA