Trova per strada 2.700 euro. E li consegna ai carabinieri

Antonio Cristofaro di Albavilla non ha approfittato del denaro trovato in strada a Erba. «Sono operaio, i soldi potevano far comodo. Meglio essere onesti»

Trova per strada 2.700 euro. E li consegna ai carabinieri
I soldi sono stati portati in caserma ai carabinieri di Erba

Il regalo di Natale più bello, ad un uomo di 78 anni di Moltrasio, lo ha fatto Antonio Cristofaro di Albavilla. Un regalo da 2.700 euro, realizzato con la naturalezza di chi non vede nulla di strano nella bontà e nell’onestà d’animo. L’operaio di Albavilla martedì scorso nel parcheggio dell’Ospedale Fatebenefratelli di Erba ha trovato un portafoglio pieno di documenti, carte di credito e contanti: quasi tremila euro. Ha da prima controllato se era possibile risalire al proprietario attraverso i dati anagrafici, poi non riuscendo a recuperare il numero di telefono ha portato il portafoglio alla stazione di Erba dei carabinieri. Le forze dell’ordine hanno in breve restituito il tutto al proprietario.

Da una famiglia con un solo reddito, per altro un reddito da operaio, il gesto vale doppio: «Io credo che le persone sappiano comportarsi onestamente, io ho visto il portafoglio e sin da subito ho cercato di risalire al proprietario attraverso i documenti presenti, considerando che non ci riuscivo mi sono rivolto ai carabinieri – spiega -.L’ho trovato davanti all’auto la mattina presto, dopo che mi ero recato all’ospedale per un esame del sangue».

Il proprietario è risultato essere un uomo di Moltrasio, 78 anni: «I carabinieri di Erba già a mezzogiorno avevano individuato il proprietario e il giorno dopo mi hanno chiamato per la ricompensa. Onestamente non sapevo neppure fosse prevista: 250 euro».

Mai pensato di tenere i soldi? «Io lavoro da ventisette anni e quello che ho me lo sono sudato onestamente. Non ho avuto dubbi e a dire il vero non ho neppure controllato quanti soldi ci fossero, ho visto che erano molti, ho solo pensato principalmente al tempo e alle ore perse per rifare tutti i documenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True