Via Milano alta solo ai bus  Il Comune: «Si può fare»
Via Milano alta è vietata alle auto tra le 7 e le 9 del mattino, per chi si occupa di trasporto pubblico locale sarebbe necessario estenderlo all’intera giornata

Via Milano alta solo ai bus

Il Comune: «Si può fare»

Nel Piano del traffico spunta la richiesta di chiusura della strada. Palazzo Cernezzi la accoglie. L’assessore: «Nessuna decisione presa»

Nel Piano del traffico spunta la possibilità che via Milano alta venga riservata interamente al passaggio degli autobus non solo nella fascia oraria della mattina, ma anche nel resto della giornata. La proposta è arrivata sottoforma di un’osservazione presentata dall’agenzia del trasporto pubblico locale che dice testualmente: «Estensione dei limiti di circolazione in via Milano a tutta la giornata». L’amministrazione comunale ha accolto l’osservazione (a pagina 13, accanto al testo, figura una A) con queste motivazioni: «La parte “alta” di via Milano è dotata di corsia riservata bus dalle 7 alle 9 del mattino; l’Amministrazione può procedere alla estensione della limitazione della circolazione privata a favore del trasporto pubblico locale, previo specifico piano».

Sulla decisione è già scattata la polemica in consiglio comunale. Il capogruppo del gruppo misto Marco Butti ha detto: «Evidentemente questa giunta non ha a cuore via Milano alta ed è innamorata della ztl, diventata quasi un’ossessione. Da anni chiediamo di conoscere i dati ufficiali sul vantaggio accumulato dai mezzi pubblici nella fascia oraria tra le 7 e le 9, ma non è lecito sapere quest’informazione».

Il presidente di Confesercenti Claudio Casartelli commenta dicendo: «Ci auguriamo che l’aula respinga questa ipotesi, ma nel frattempo avvieremo una raccolta firme».

Dal canto suo l’assessore alla Mobilità Daniela Gerosa smorza le polemiche parlando di ipotesi. «L’obiettivo che ci siamo dati con il Piano del traffico - spiega - è stato quello di aumentare la qualità complessiva di via Milano. I commercianti sono divisi al 50%, questo vuol dire che bisognerà discutere insieme e in modo approfondito quando si farà il piano particolareggiato. Al momento non sono state prese decisioni. Nessuno ha intenzione di fare la Ztl in via Milano, si è solo detto che c’è la possibilità di far scattare il divieto in occasione di grandi eventi e giornate caotiche come nel periodo natalizio».

Proprio via Milano è oggetto di diverse richieste - anche contrapposte - dei commercianti anche per quanto riguarda la parte bassa della strada. Quello che è certo è che ci saranno interventi sulla strada poiché l’area è inserita tra le nuove zone a traffico moderato, per la precisione sarà una “strada commerciale moderata”.

Il documento adottato dalla giunta e che dovrà essere approvato dal consiglio, chiarisce le caratteristiche che dovrà avere la strada: «messa in sicurezza dei percorsi pedonali e ciclabili, fluidificazione e moderazione del traffico, inserimento di sosta ad alta turnazione, potenziamento degli spazi per la “socializzazione”(dare spazio esterno ai negozi, bar, ecc), integrazione delle diverse componenti di traffico».


© RIPRODUZIONE RISERVATA