Martedì 21 Gennaio 2014

Villa a 15 milioni
Per il lusso non c’è crisi

Una panoramica di Villa Pina a San Vito di Bellagio: sarebbe nel mirino di alcuni imprenditori russi

Il lago è un lusso e bisogna spendere per poterselo permettere. Soprattutto se - come raccontavamo nel reportage pubblicato ieri - viene considerato dagli americani dell’Huffington Post come tra i venti più belli del mondo.

E Bellagio, manco a dirlo, è una delle località più note in assoluto. Tutti elementi che giustificano quello che, a prima vista, sembrerebbe un clamoroso azzardo. Già, perché nonostante lo stallo del settore immobiliare per chi può ci sono ville in vendita a 15milioni di euro per un mercato principalmente estero.

E’ il caso di Villa Carlo Pina a Bellagio nella frazione San Vito sul ramo di Lecco, posizione invidiabile con accesso al lago, struttura del 1920 con quattro camere, campi da tennis, da bocce, piscina e palestra. Non è però la sola dimora di questo valore sul mercato, ci sono altre ville storiche destinate a stranieri molto ricchi, ad Ossuccio, Lenno e Menaggio. A Bellagio volendo si può comprare anche un appartamento di Villa Trotti a un milione e 850mila euro per 120 metri quadrati, insomma le occasioni non mancano.

«Se si parla di ville attorno ai 15milioni di euro ne abbiamo quattro in vendita, la più cara è di certo quella di Bellagio – spiega il resposnabile dell’Agenzia di Cernobbio che ha in vendita la dimora di San Vito -. Il mercato del lusso non sente la crisi e il Lago di Como è comunque decisamente richiesto, gli acquirenti sono quasi tutti stranieri, si può parlare di un 60% di russi, poi ci sono i tedeschi a cui spetta un 20% e poi gli altri paesi». Gli italiani non acquistano: «Siamo attorno al 5% dei possibili acquirenti, meglio gli inglesi se proprio dobbiamo stilare una classifica».

Come fin troppo ovvio, è difficile scalfire la privacy che circonda queste operazioni milionarie: «Abbiamo strutture attorno ai 15milioni di euro in vendita a Ossuccio, Menaggio e Lenno, oltre a Bellagio, ma i venditori non vogliono apparire. Si cerca di lavorare con discrezione, poi ci possono essere anche altri contatti davanti ad offerte veramente importanti».

Giovanni Cristiani

© riproduzione riservata