Lunedì 16 Marzo 2009

Inflazione, confermata all'1,6%
Ma la benzina costa 400 euro l'anno

L'inflazione a febbraio viene confermata in discesa rispetto a gennaio e si conferma il mese scorso all'1,6%. ma non mancano le sorprese. A cominciare dai prodotti energetici: il rialzo del 2,4% del prezzo della benzina ha raggiunto quota 2,5%, l`ennesimo fenomeno speculativo che danneggia le famiglie di oltre 400 euro l`anno. A sottolinearlo è l'Adoc commentando i dati Istat sull'inflazione di febbraio. Per l'Associazione, poi, il rallentamento dei prezzi alimentari non è sufficiente, si prevede un brusco calo dei consumi per il 2009, pari al 5%.
´Basta con la speculazione sui carburanti e con il giochetto della doppia velocità dei prezzi - dichiara Carlo Pileri, Presidente dell`Adoc - appena il costo del greggio cresce, subito il prezzo della benzina sale, del 2,4% rispetto allo scorso gennaio. Al contrario, quando il greggio cala, la benzina non scende. Circa un mese fa un barile di petrolio costava meno di 40 dollari al barile, ma il prezzo della benzina era inferiore a quello attuale di soli 3 centesimi.

Quanto al tonfo dei consumi previsto dall'Adoc per il 2009, sarà legato principalmente al crollo delle vendite dei beni e servizi secondari, che già l`anno scorso hanno registrato un calo del 6-7% e che stanno diventando sempre più inaccessibili per i consumatori. La crisi ha messo in ginocchio le famiglie. Per Pasqua circa due italiani su tre, il 76%, non si muoveranno di casa, il 5% in più dell`anno passato.

s.casiraghi

© riproduzione riservata

Tags