Contraffazione? Moncler la sfida con lo smartphone
Alle Hawai aperta la seconda boutique di Moncler per lo shopping di lusso

Contraffazione? Moncler la sfida con lo smartphone

Arriva un nuovo sistema di difesa con le radiofrequenze

La contraffazione si combatte con la radiofrequenza. E così anche con uno smartphone si potrà distinguere un capo Moncler da uno spacciato per tale.

Come tutti i best seller di successo, i capi del marchio guidato dal comasco Remo Ruffini sono fra i più copiati. Per la griffe il danno non è solo quello connesso alle mancate vendite: conta soprattutto un danno di immagine. Ci sono poi rischi in termini di sicurezza, salute dei consumatori e tutela dell’ambiente.

Già dal 2009, Moncler ha cercato di mettere a punto soluzioni a difesa del proprio heritage, della tecnologia, della qualità e delle performance, dell’innovazione e della ricerca stilistica delle proprie collezioni, ponendo l’accento sul binomio autenticità-tracciabilità anche in fase after-sale.

Un percorso che nel 2013 ha visto Moncler presentarsi sul mercato con una nuova e più sofisticata etichetta. Nello stesso anno ha lanciato anche il sito code.moncler.com, direttamente gestito dall’azienda: una piattaforma dedicata alle verifiche delle etichette anticontraffazione nella quale i clienti possono registrarsi per verificare le caratteristiche del capo acquistato ed ottenere così un riscontro immediato sulla sua autenticità.

Questa stagione la maison è andata oltre. A partire dalla collezione Primavera/Estate 2016, la totalità dei prodotti Moncler è dotata di un rivoluzionario sistema anti-contraffazione, che si avvale delle più recenti conquiste tecnologiche RFID (Radio Frequency IDentification).

Uno strumento avanzato che presenta un codice alfa-numerico univoco e un QRcode, ai quali si aggiunge un tag NFC (Near Field Communication) sagomato proprio come l’emblematico logo della Maison di Monestier-de-Clermont.

Di qui il passaggio ulteriore che offre una garanzia importante sul fronte della tutela del marchio e dell’acquisto da parte del cliente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA