Giovedì 20 Febbraio 2014

Cracco come una rockstar

«Ma conta il lavoro duro»

Il momento degli autografi

Cracco come una rockstar, ma con i piedi per terra: «La tv? - commenta lo chef - è un passaggio, ma conta il lavoro, il lavoro duro in cucina».

Ieri centinaia di ragazzi hanno atteso al centro espositivo Lariofiere di Erba tra di telefonini, battimani e coretti da stadio nel momento del suo ingresso in sala per il gran finale di RistorExpo.

Cracco ha invitato ad andare all’estero, poi di tornare in Italia: «Il mio obiettivo è uno solo: servire il cliente. Ho imparato a non lamentarmi mai: se c’è un problema lo risolvo».

TUTTI I DETTAGLI DELL’INCONTRO SUL GIORNALE DI OGGI

© riproduzione riservata