“Gianni Benvenuto”: «Che volano  dal cantiere di Expo»
Il padiglione China Vanke, progettato da Daniel Libeskind e realizzato dalla Gianni Benvenuto

“Gianni Benvenuto”: «Che volano

dal cantiere di Expo»

L’impresa di Cernobbio ha realizzato padiglioni e opere collaterali

«Un lavoro di prestigio, in un contesto importante com’è quello di Expo, sicuramente dà una visibilità commerciale non comune».

Ambrogio Gianni, amministratore delegato della Gianni Benvenuto di Cernobbio, ne è sicuro. Nell’elenco delle collaborazioni aziendali, infatti, l’essere stati presenti nel contesto di Milano 2015 e, più in generale, aver avuto a che fare con architetti di fama internazionale e aziende dal respiro mondiale servirà.

Nei mesi scorsi, l’azienda di Cernobbio ha realizzato gli impianti del padiglione Cina Vanke, del padiglione New Holland Agriculture (Fiat Chrysler Automobiles) e del complesso edilizio Expo Village di Cascina Merlata. Un impegno che definire importante è dir poco, considerando poi che per quanto riguarda il cantiere Cina Vanke, la Gianni si è confrontata con l’archistar Daniel Libeskind (l’architetto che, tra le altre opere, ha ideato il discusso monumento che sarà installato sulla diga foranea del capoluogo), che ha pensato e gestito la costruzione dell’edificio.

«Lavorare all’interno di Expo – afferma Ambrogio Gianni – significa potersi giocare un importante biglietto da visita che attesta più di tanti altri cantieri le capacità aziendali».


© RIPRODUZIONE RISERVATA