Il Bosco verticale  re mondiale con Como
Il Bosco verticale di Milano

Il Bosco verticale

re mondiale con Como

A Chicago il premio di migliore architettura del pianeta per Boeri. Una vittoria verde grazie anche alla Peverelli: «Il contributo di Giorgio prezioso e coraggioso»

Giorgio Peverelli, scomparso lo scorso agosto

Giorgio Peverelli, scomparso lo scorso agosto

Il Bosco verticale su un tetto ancora più alto: quello del mondo. Il progetto di Stefano Boeri infatti porta a casa il premio come Migliore Architettura del mondo 2015,

E con l’aiuto di Como, visto che il verde è firmato Peverelli, l’azienda di Fino Mornasco. Il premio assegnato dal Council on Tall Buildings and Urban Habitat e promosso dal Illinois Institute of Technology di Chicago è stato consegnato giovedì sera.

Quando lo scorso agosto era scomparso l’imprenditore comasco, Boeri disse: «Peverelli è stato un grande imprenditore della biodiversità Senza il suo contributo, prezioso e coraggioso, il Bosco verticale di Milano non sarebbe mai sorto». L’emozione era forte quindi nell’azienda di Fino, che sta portando avanti con tenacia i progetti e dopo Expo Milano, ad esempio, sta seminando per Dubai.

I DETTAGLI SUL GIORNALE DI OGGI


© RIPRODUZIONE RISERVATA