Sabato 26 Luglio 2014

Ratti: «Sempre più

bussano nuovi mercati»

Tamborini

I mercati tradizionali reggono, ma ne arrivano anche nuovi, insospettabili. Come l’Iran o il Sudan. E la Cina, che non è ancora esplosa.

Il consiglio d’amministrazione della Ratti (gruppo Marzotto) ha approvato i risultati consolidati al 30 giugno 2014. Con ricavi pari 48,7 milioni, in lieve calo.

.

Un fatturato stabilizzato, spiega l’amministratore delegato, con un calo tra gli 800 e i 900mila euro rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. «Dopo una crescita impetuosa - continua l’ad Sergio Tamborini - che andava governata in termini di attività industriali, per non esserne travolti. Nel 2014 siamo alle prese con il settaggio della macchina industriale».

Ed entrano molti giovani, a testimonianza anche di un ritorno al lavoro manuale.

I DATI E I COMMENTI DI TAMBORIHMI SUL GIORNALE DI OGGI

© riproduzione riservata