Asso, agguato a colpi di mazza  Paura per l’azione di due sconosciuti
La zona di via Matteotti dove è avvenuta l’aggressione (Foto by bartesaghi)

Asso, agguato a colpi di mazza

Paura per l’azione di due sconosciuti

L’episodio nella tarda serata di martedì 15 giugno

Serata da Far West ad Asso, e purtroppo non è la prima volta negli ultimi mesi. Martedì 15 giugno attorno alle 23 ignoti hanno portato a termine un vero e proprio agguato nei confronti di un automobilista in transito su via Matteotti con tanto di mazza e martello. Due persone con accento straniero hanno bloccato una Mercedes classe A che percorreva il centro di Asso e poi hanno iniziato a colpire il veicolo sfondando i vetri e danneggiando la carrozzeria con rumori e urla che hanno richiamato l’attenzione di chi abita in centro. Gli episodi che hanno preoccupato i residenti di Asso ormai si susseguono: a fine marzo il furgone guidato da ragazzini che ha danneggiato diverse auto, a inizio giugno fa la lite tra due famiglie dell’Albania e dell’ex Jugoslavia alla ex Locanda. E l’altra sera l’ultimo episodio segnalato dai residenti che hanno visto tutto: «Due persone si sono appostate dopo aver parcheggiato una Ford, hanno quindi bloccato una Mercedes classe A che saliva dal municipio per via Matteotti – racconta un residente in zona -Uno dei due uomini si è parato davanti all’auto mentre l’altro ha infilato un tubo di metallo nelle ruote posteriori». La Mercedes era quindi in balia dei due assalitori: «Hanno iniziato a colpire l’auto con una mazza e un martello sfondando i vetri nel tentativo di fare scendere la persona al volante, senza riuscirci. Ad un certo punto il tubo che teneva bloccata l’auto è uscito e il mezzo è ripartito».Molti residenti in centro Asso sono usciti sul balcone o si sono affacciati dalle finestre: «Abbiamo preso le targhe e allertato i carabinieri. Il tipo fuggito con il Mercedes poi è tornato in auto in centro Asso con una mazza in mano presumibilmente per trovare i due assalitori ma non credo li abbia individuati».

(Giovanni Cristiani)


© RIPRODUZIONE RISERVATA