Canzo, a caccia di specialità biologiche

Biofera, diecimila tra le bancarelle

Gente incolonnata fin dal mattino per riuscire ad arrivare e trovare posteggio

Buoni affari tra i cento espositori

Canzo, a caccia di specialità biologiche Biofera, diecimila tra le bancarelle
Migliaia di persone per le bancarelle

La Biofera va in archivio con ottimi numeri

Si parla di un’edizione vicina alle 10mila presenze che è il dato record. In effetti il paese era paralizzato dal traffico in particolar modo in arrivo dal Segrino e non sono mancate, per gli avventori, le difficoltà per trovare parcheggi. Tra le novità la creazione di un’area dedicata esclusivamente al cibo da strada, quella del parcheggio di Villa Meda.

«È una novità parzialmente, perché lo “street food” in fiera non è mai mancato, si sono aggregati i banchi in un sola zona per dare maggiore visibilità e possibilità di scelta - spiega Donatella Pellizzone de I Nost che organizzano l’evento -. L’esperimento sembra essere piaciuto. In realtà si è riorganizzata tutta la zona cibo, con gli spazi cucina, intervenendo anche per ampliare i posti dove mangiare. In questo modo siamo riusciti a ridurre gli incolonnamenti».

I dettagli su La Provincia in edicola lunedì 12 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}