Caslino, il riccio Spillo salvato  da “mamma” Daniela
Spillo con Daniela Schiatti che l’ha salvato e cresciuto

Caslino, il riccio Spillo salvato

da “mamma” Daniela

È stato trovato nel parco di Villa Reale «Sta bene e va matto per il nostro formaggio caprino Vive nel nostro giardino ed è grande amico dei bambini»

Un riccio con una mamma umana cresciuto a caprino di Caslino.

Il riccio, Spillo, è stato trovato abbandonato nel parco di Villa Reale a Monza da un giardiniere, pesava solo 25 grammi, portato a Caslino Daniela Schiatti lo ha accudito fino a farlo diventare un animale forte che ora vive in giardino dove spesso i bambini lo cercano per salutarlo.

Tutto è partito da Monza, come spiega la stessa Daniela: «Mia figlia Nicole lavorava al Tennis club di Villa Reale, un giorno il giardiniere gli ha detto di aver trovato abbandonato questo piccolo riccio che pesava circa 25 grammi – spiega -. Capita i piccoli vengano abbandonati, Nicole è come sua mamma e ha una grande passione per gli animali quindi lo ha preso e lo ha portato da me sperando lo potessi salvare. Io e mia figlia Morgana ci siamo impegnate molto». Lo hanno reidratato con acqua e zucchero. «Però avevamo un problema sul latte -. aggiunge Daniela -, non sapevamo quale dargli alla fine si è scoperto che può prendere il latte dei cani. Ho iniziato a dargli larve e caprino di Caslino, va matto per il nostro formaggio. Il primo inverno in casa è stato problematico perché non stava bene, un veterinario ci ha spiegato che non potevamo tenerlo nell’appartamento con il riscaldamento acceso, aveva bisogno di creare la sua tana e del freddo per riuscire a sentire il cambio di stagione e andare in letargo».

Dopo la reciproca conoscenza ora il riccio vive bene.


© RIPRODUZIONE RISERVATA