Civenna , i ladri arrivano di notte  Tagliano le grate e si calano dal tetto
La grata tagliata per entrare nell’edicola-cartoleria (Foto by Giovanni Cristiani)

Civenna , i ladri arrivano di notte

Tagliano le grate e si calano dal tetto

Allarme sicurezza per i furti alla cartoleria-edicola e al bar sulla provinciale

Si calano dal tetto per assaltare il bar, e per entrare nella cartoleria edicola segano le sbarre. Ladri come in un film d’azione a Civenna per mettere a segno due furti a distanza di pochi giorni. Sorprende il modus operandi da professionisti del crimine che non ha mancato di preoccupare i residenti. Entrambi i punti colpiti sono sulla provinciale. Si tratta del “Cafè diVino” e della cartoleria edicola Colombo di piazza Milano. Per entrare nel bar si sono calati dal tetto per poi mettere tutto a soqquadro e rubare alcune centinaia di euro tra fondo di cassa e contenuto dei videopoker; all’edicola hanno segato la grata di una finestra per fuggire con poche decine di euro di fondo cassa. Per l’edicola si tratta del quarto furto tentato o riuscito nel corso degli anni. «Si sono introdotti segando le sbarre di una grata sul retro – spiegano all’edicola Colombo - Una volta dentro hanno girato e oscurato la telecamera, però non hanno potuto fare nulla con l’allarme che ha iniziato a suonare. Mia sorella ha controllato all’interno e non c’era nessuno, quando è andata sul retro si è spaventata perché ha visto una persona che scappava completamente vestita di nero con il viso coperto: assolutamente irriconoscibile». Furto più cospicuo pochi gironi prima al bar, anche con un vandalismo gratuito: «Hanno forzato una finestra che si affaccia sul tetto, da qui si sono calati, hanno disattivato l’allarme e preso il contante dalle casse e poi svuotato i videopoker – spiega la titolare - Mi hanno dato molto fastidio ii danni che hanno causato; hanno buttato tutto all’aria e versato della sambuca sulla cassa e sugli altri dispositivi elettronici. Un atto di vandalismo gratuito che potevano risparmiarsi. Spero che riescano a prendere i ladri»

(Giovanni Cristiani)


© RIPRODUZIONE RISERVATA