Computer rubati al liceo Galilei  Erba, azienda li regala agli studenti
Nel corso del furto erano state danneggiate anche le macchinette

Computer rubati al liceo Galilei

Erba, azienda li regala agli studenti

Erba: gesto di solidarietà della ditta Bcs a pochi giorni dal furto

Il grazie della scuola e del Comitato genitori: «Senso civico molto forte»

Non è rimasta con le mani in mano la comunità erbese dopo aver saputo la notizia del furto di 18 computer portatili al liceo scientifico Galilei, avvenuto nella notte tra il 14 e 15 gennaio.

Le famiglie degli alunni, ma anche alcuni imprenditori hanno deciso di dare una mano alla scuola. Si è messa in moto una gara di solidarietà che nei prossimi giorni porterà alla donazione di nuovi pc da parte della società di informatica di Erba Bcs e alla raccolta di offerte da parte dei genitori. Nel furto alla scuola, erano state scassinate anche le macchinette per la distribuzione di bevande ed erano stati portati via i soldi.

«Regalare 18 pc è un bell’impegno e noi non possiamo che dire grazie alla Bcs - spiega Marco Pozzi, presidente del comitato genitori del Galilei - Inoltre ogni classe, insieme ai suoi rappresentanti di classi sta promovendo una raccolta e la risposta è positiva».

La Bcs, azienda informatica nata negli anni ’80, ha voluto andare incontro alla scuola non appena è venuta a conoscenza dell’emergenza. Un modo, secondo il presidente Giuseppe Fumagalli, per sostenere una importante risorsa del territorio: «Bcs ha da sempre una particolare attenzione nei confronti delle nuove generazioni a cui garantisce un canale privilegiato anche in termini di opportunità professionali».

«Da un fatto negativo nasce un messaggio di speranza. E per i ragazzi è una bella lezione» commenta il vicepreside del liceo di Erba, Massimo Gaffuri.

L’articolo completo su La Provincia di venerdì 24 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA