Era di nuovo una discoteca abusiva
“La Limonaia” chiusa per un mese

Licenza sospesa 30 giorni e altra multa da 1.500 euro al gestore: non aveva alcuna autorizzazione per balli e spettacoli. Già ad agosto il locale di Merone era stato bloccato per 7 giorni

Era di nuovo una discoteca abusiva “La Limonaia” chiusa per un mese
Il ristorante- pizzeria La Limonaia
(Foto di archivio)

Ancora una volta il locale “La Limonaia” di Merone è stato chiuso e pesantemente sanzionato il gestore, come già era avvenuto lo scorso agosto: 1.500 euro di multa e stop all’attività per una settimana.

Da diverso tempo al Comune di Merone e alla Questura di Como stavano arrivando nuove segnalazioni ed esposti sul fatto che il gestore del locale, privo delle necessarie autorizzazioni e incurante delle limitazioni imposte alle discoteche, facesse svolgere attività di ballo e spettacoli nel locale adiacente il ristorante.

Le verifiche condotte dalla Divisione della polizia amministrativa e sociale delle Questura hanno portato alla luce il fatto che ogni venerdì, dalle 23 in poi, il locale diventava una vera e propria discoteca abusiva con tanto di dj e clienti che ballavano violando le regole del distanziamento. Non solo: il locale è privo dei requisiti di sicurezza necessari per le strutture di intrattenimento.

Sulla base di queste indagini e tenendo conto dei precedenti, il sindaco di Merone ha ancora sanzionato i titolari con un’ammenda di 1.500 euro e ha imposto stavolta una sospensione delle licenze al locale ben più pesante: 30 giorni. Inoltre il gestore è stato nuovamente segnalato alla Procura di Como per il reato di apertura abusiva di luoghi di spettacolo.

L’amministratore Mario Sola si giustifica così: «“La Limonaia” è un ristorante non una discoteca, abbiamo una sala delle feste all’interno dove purtroppo non sempre si riesce a controllare e gestire le persone che magari si alzano e si muovono con la musica come capitato in questa occasione».

«Stiamo facendo tutto l’iter per la licenza di pubblico spettacolo che permetterà ai clienti di alzarsi dal tavolo e fare due passi a ritmo con la musica. In ogni caso per tutto il mese saremmo aperti con il nostro staff a mezzogiorno e sera, sempre fronte lago, “Al Lido”».

E in effetti sul profilo Facebook del locale questa sera è ancora visibile questa volontà di fare veri e propri eventi-show come la “Serata red Passion” definita “cena + spettacolo” oppure l’esibizione dal vivo di giovedì 3 febbraio del trio “NO-XS”. Ma. come spiega la Questura sia per il semplice ballo sia per gli spettacoli servono particolari requisiti di sicurezza e autorizzazioni specifiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}