Erba, asili chiusi alle 14  «Troppi rischi e poche maestre»
L’ingresso dell’asilo di via Diaz, in centro città

Erba, asili chiusi alle 14

«Troppi rischi e poche maestre»

Il provvedimento dal 30 novembre a Natale riguarda 329 bambini delle tre materne comunali

Fino a Natale le scuole materne comunali chiuderanno i cancelli in anticipo alle ore 14, subito dopo il pranzo. La decisione, condivisa con il Comune di Erba, è stata comunicata martedì 17 novembre dalla dirigente Anna Toffoletti ai genitori dei 329 bambini iscritti: i contagi tra gli insegnanti e il blocco delle assunzioni rendo impossibile proseguire in sicurezza con le attività didattiche fino alle 16 (o fino alle 17.45 per chi frequenta il doposcuola). «Nell’ultimo mese - spiega la preside - abbiamo incontrato difficoltà per garantire per garantire ai bambini il funzionamento della scuola per l’intera giornata: molte maestre si sono ammalate, anche qualche bambino ha avuto esito positivo per il coronavirus, e tre sezioni - due a Crevenna e una in via Diaz - sono state messe in quarantena nelle ultime due settimane».Casi positivi e quarantene sono all’ordine del giorno, la stessa Toffoletti deve gestire questi casi alle elementari e alle medie dell’istituto comprensivo Puecher. Il vero problema si registra negli asili di via Diaz in centro città, Crevenna e Bindella. «C’è stato un avvicendarsi continuo di sostituzioni - ricorda la preside - a volte con le maestre di sostegno o di altre sezioni, a volte con delle supplenti. Purtroppo le graduatorie delle supplenze sono ormai da tempo esaurite e non sempre è stato possibile reperire personale. Per tamponare l’emergenza abbiamo utilizzato le risorse che avevamo, mettendo a contatto i bambini di una sezione con più insegnanti estranee e aumentando così le possibilità di contagio reciproco». Mancano maestre, ma anche collaboratrici scolastiche: sono figure fondamentali, impegnate costantemente nella sanificazione e nella vigilanza. Da qui la scelta di chiudere prima: «Ridurremo temporaneamente l’orario scolastico fino alle 14. In questo modo possiamo garantire il servizio, dal pre scuola (che scatta alle 7.45) alla mensa, mantenendo qualità e sicurezza. Ogni docente potrà al bisogno essere sostituita dalla collega della stessa sezione». L’orario ridotto partirà il 30 novembre nei tre asili e proseguirà fino al 22 dicembre. Nel frattempo, la speranza è che come promesso vengano sbloccate le assunzioni: «Ci era stato assegnato del personale in più per l’emergenza Covid - ricorda Toffoletti - 6 docenti e 7 collaboratori. Abbiamo appena fatto in tempo ad assumere una maestra e due collaboratrici quando ci è stato comunicato il blocco delle assunzioni». Se le assunzioni saranno sbloccate a breve, promette la preside, «ci attiveremo per garantire il servizio di doposcuola dalle 14 alle 16 per i genitori che lavorano entrambi». Sarebbe una boccata d’ossigeno per le famiglie, abituate fino ad ora a tenere i bambini all’asilo fino alle 16 e fino alle 17.45 per gli iscritti al doposcuola. «È un sacrificio - conclude Toffoletti rivolgendosi ai genitori - per difendere la salute dei bimbi e del personale, siamo certi che comprendete».

(Luca Meneghel)


© RIPRODUZIONE RISERVATA