Erba, l’auto “vola” nel giardino Il conducente fugge all’ora di cena
L’auto sembra parcheggiata. In realtà è volata nel giardino dopo avere sfondato la recinzione mentre percorreva la via XXIV Maggio (Foto by Stefano Bartesaghi)

Erba, l’auto “vola” nel giardino
Il conducente fugge all’ora di cena

I carabinieri sulle tracce dell’automobilista uscito di strada con una Renault

È stato un incidente, certo non grave, ma per capire cosa sia successo serviranno tanti approfondimenti. L’episodio, del resto, ha dell’incredibile: la sera dell’Epifania, una Renault Clio di colore grigio è finita dritta nel giardino di una villetta a schiera in via XXIV Maggio, dopo aver sfondato la recinzione. Quando i proprietari di casa sono usciti, si sono ritrovati davanti alla macchina vuota “parcheggiata” sul terriccio: l’automobilista si è dileguato. L’ipotesi più probabile è che l’automobilista stesse viaggiando in via XXIV Maggio, una tranquilla strada residenziale nella frazione di Carpesino, quando ha sbandato e ha divelto la recinzione di una villetta a schiera. I danni - ben visibili sulla parte anteriore del veicolo - sarebbero stati causati dall’urto con il muretto che separa la strada dal giardino, posto a un livello inferiore rispetto alla sede stradale, e dall’impatto con il terreno. Quando i residenti sono usciti di casa si sono ritrovati davanti a una scena surreale. La Renault era di fatto parcheggiata in giardino, ma all’interno non c’era nessuno. L’accaduto ha richiamato l’attenzione di numerosi residenti della frazione, nessuno è riuscito a capire come l’automobile sia finita lì. Non è rimasto altro da fare che chiamare i carabinieri di Erba, intervenuti per effettuare un sopralluogo.Nella mattina di giovedì 7 gennaio l’automobile non era ancora stata rimossa, ma le indagini sono partite. A quanto risulta, i documenti di circolazione legati al veicolo non sarebbero in regola: l’ipotesi più probabile, insomma, è che il guidatore abbia deciso di scappare per non rendere conto dell’assicurazione mancante, piuttosto che della revisione dimenticata. Anche perché il mezzo, molto vecchio, non rientrerebbe nella lista delle automobili rubate. Dalla targa sarà facile risalire al proprietario e di conseguenza al nominativo della persona che era alla guida: una volta individuato, prima ancora di pagare i danni (limitati) e i costi di rimozione del veicolo, dovrò spiegare come ha fatto a finire con la macchina in quel giardino.

(L. Men.)


© RIPRODUZIONE RISERVATA