Erba, rifiuti, Imu e Tasi  Tasse prima delle ferie

Erba, rifiuti, Imu e Tasi

Tasse prima delle ferie

Oggi scade la prima rata, il 31 luglio c’è la seconda

Il Comune conta di incassare 8 milioni di euro

Ultima chiamata per Imu e Tasi.

Scadono oggi i termini per saldare la prima rata dell’imposta municipale unica e del tributo per i servizi indivisibili che nel corso del 2018 frutteranno rispettivamente 4,2 e 1,7 milioni di euro. L’estate calda del fisco proseguirà fino alle ferie: entro il 31 luglio va saldata la seconda rata della Tari (la tassa rifiuti). Intanto Palazzo Majnoni si muove contro l’evasione: il recupero crediti è passato tutto nelle mani dell’ex Equitalia.

Da qualche anno l’Imu non si applica più alle prime case (fatta eccezione per quelle signorili), ma a tutti gli altri immobili (dalle seconde case alla aziende, passando per i negozi); la Tasi, utilizzata per servizi quali l’illuminazione e le piccole manutenzioni, interessa invece tutti i cittadini: in entrambi i casi il conto viene stabilito in base alla metratura della casa e va pagato attraverso il modulo F24.

«La prima rata di Imu e Tasi - ricordano dall’ufficio tributi - è pari al 50 per cento del totale va saldata entro il 18 giugno; la seconda rata scade invece il 16 dicembre. Nulla vieta di pagare tutto in un’unica soluzione entro il 18 giugno».


© RIPRODUZIONE RISERVATA