Domenica 29 Novembre 2009

Ritorna la Saladini
con il nodo sicurezza

CERNOBBIO C’è attesa per la sessione autunnale del consiglio comunale convocato per lunedì alle 20: non tanto per la delibera d’assestamento del bilancio, quanto per il ritorno sulla poltrona riservata al primo cittadino di Simona Saladini, assente dall’aula da diversi mesi a causa della sospensione collegata al processo sulle multe dell’ex consorzio Breggia Lario, vicenda definitivamente risolta con sentenza della Corte di Cassazione e reintegro a pieno titolo del sindaco nelle sue funzioni. Il secondo punto all’ordine del giorno dell’assemblea riguarda le «comunicazioni del sindaco». Si tratterà di verificare se si darà corso a una semplice lettura dell’estratto della sentenza della suprema corte o se la Saladini andrà oltre, con qualche battuta in più riferita ai mesi difficili collegati alla sua sospensione. In quel periodo, tra l’altro, si era verificato il clamoroso episodio collegato all’intervento dei carabinieri in municipio per accertare la presenza del sindaco sospeso all’interno degli uffici, impegnato a consultare documenti.Una circostanza che era stata destituita di fondamento con dichiarazione resa sia da Simona Saladini che dal vicesindaco Franca Maiorana che, nell’ora indicata dalla denuncia formulata da alcuni cittadini, entrambe si trovavano sedute al tavolino di un caffè della Riva. Il punto focale della serata è però rappresentato dall’interrogazione sulle misure di sicurezza esistenti e su quelle che si intendono attuare per contrastare la dilagante delinquenza che ha dato adito ai furti clamorosi all’interno della cooperativa sociale «Il Sorriso», allo storico asilo «Davide Bernasconi» e in diversi esercizi pubblici del centro tra i quali la pizzeria Tom e Jerry, il ristorante Vapore, il bar HP e alcuni negozi di prestigio del centro.

f.angelini

© riproduzione riservata