Lunedì 25 Gennaio 2010

La Protezione civile
cerca nuovi volontari

CANTU' Ha appena festeggiato i 15 anni dalla sua fondazione. Ma l’impegno non diminuisce affatto. Anzi, aumenta, così come crescono i servizi straordinari, per affrontare le emergenze.
È stato un 2009 certamente ricco di interventi, ma anche di soddisfazioni, per la protezione civile di Cantù, il gruppo nato nel 1994 e che, da piccola iniziativa di persone molto volenterose, è diventato un punto di riferimento per la città, ma anche per i vicini comuni di Carimate, Figino Serenza, Novedrate e Cucciago, con i quali esiste una convenzione da vari anni. Proprio in questi giorni è stato presentato il bilancio degli interventi per quanto concerne l’ultimo anno, il 2009. I volontari della protezione civile sono stati chiamati ben 607 volte, solo 15 in meno rispetto all’anno precedente, ma per un numero di ore lavorative superiore: 3.247, con un aumento di 55 ore in confronto al 2008.  Entrando nel dettaglio, i volontari sono stati chiamati a intervenire 62 volte sugli incidenti stradali (per rimozione auto, viabilità o lavaggio strade su richiesta delle forze dell’ordine), 29 volte in meno rispetto all’anno precedente. Sono stati 76 (+16 rispetto al 2008) gli interventi su strade ghiacciate con auto in difficoltà, sistemazione tombini, chiusura buche e ripristino della segnaletica. In particolare, vanno ricordati alla fine del 2009 gli interventi legati all’emergenza neve, dove i volontari di via Tripoli sono stati a lungo impegnati per dare aiuto agli automobilisti in difficoltà, a supporto delle forze dell’ordine: in particolare, c’era stato l’intervento sulla Novedratese, poco prima di Natale, dove molti camion e auto erano stati bloccati per ore lungo la Provinciale, ed era stato necessario anche distribuire generi di conforto.
Per quanto riguarda gli altri interventi, 10 (+3) hanno riguardato incendi boschivi o di sterpaglie, 15 (-36) quelli per allagamenti di strade, cantine o abitazioni, 268 (+48) quelli per il recupero di sciami di vespe, calabroni e altri animali. In due occasioni (contro le 6 del 2008) i volontari hanno dovuto provvedere alla pulizia dello scolmatore di Cantù Asnago e a ripristini ambientali. Infine in 90 occasioni (+7) gli uomini della protezione civile sono stati operativi per viabilità e assistenza a manifestazioni, in 16 casi (-16) sono intervenuti per la messa in sicurezza di strutture pericolanti e cedimenti. In aggiunta ai servizi "ordinari", i volontari hanno dovuto fare gli straordinari: su richiesta della Regione Lombardia, infatti, una squadra della protezione civile canturina è andata in Abruzzo, per l’emergenza terremoto, dal 18 al 25 aprile, e successivamente anche dal 25 luglio al primo agosto e dal 5 al 12 settembre.

f.angelini

© riproduzione riservata