Sabato 30 Gennaio 2010

Un semaforo che vale
290 mila euro all'anno

MOLTRASIO - Un semaforo che somiglia tanto a un salvadanaio per i paesi della Riva Romantica? Sembra proprio di sì.
È incredibile, ma a distanza di quasi sei anni dall’installazione delle apparecchiature elettroniche, regolarmente omologate, ci sono ancora tanti conducenti di auto, moto, furgoni e autotreni che imperterriti passano con il disco rosso dal semaforo di Moltrasio-Tosnacco e incappano nella sanzione di 150 euro.
Dalla relazione che Milko Tagliabue, comandante del corpo si polizia locale dell’unione comuni Lario di Ponente, ha tenuto ai sindaci per San Sebastiano traspare infatti che nell’arco del 2009 i trasgressori, secondo i dati parziali, sono stati 1260 con un corrispettivo, sempre parziale di 190 mila euro su un totale di sanzioni che al momento raggiungono i 261 mila euro, ma con la prospettiva a fine febbraio, nel momento in cui saranno disponibili i dati definitivi, di raggiungere i 280/290 mila euro.
«Il nostro proposito – dice il comandante Tagliabue – non è rivolto a tartassare gli utenti della statale Regina, bensì a effettuare opera di prevenzione all’insegna della sicurezza, ma non è certo possibile tollerare che in quel passaggio così pericoloso la gente abbia a transitare con il disco rosso".

m.schiani

© riproduzione riservata