Giovedì 25 Febbraio 2010

Intimiano e Senna, tre arresti
per l'hascisc sulla barca a vela

Secondo i carabineri, i suoi viaggi in barca a vela tra il Marocco e la Spagna servivano per "importare" dal Nord Africa ingenti quantitativi di hascisc. Così, Mario Piacentino, 43 anni, residente in via Legnano a Intimiano, è stato arrestato dai carabinieri del Ros di Milano, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla procura di Milano. Stessa sorte per altre 21 persone, tra le quali Elena Bianchi, 36 anni, moglie di Piacentino, che avrebbe fornito supporto logistico al marito durante i suoi viaggi internazionali, e Massimo Zanotta, 44 anni, tassista di Senna Comasco, che era già finito nei guai nel luglio del 2007, perché trovato in possesso di 230 chili di hascisc nel porto di Sotogrande, in Spagna.
Secondo le indagini, Mario Piacentino - incensurato - sarebbe stato a capo di tutta l'organizzatore. Lo skipper, infatti, predisponeva i viaggi in barca a vela o con altre imbarcazioni a motore: in Marocco caricavano la sostanza stupefacente, che poi veniva portata solitamente in Spagna o in Francia. In qualche occasione la droga arrivava direttamente in Italia, in particolare nei porti di La Spezia e Mazara del Vallo, in provincia di Trapani.
In un caso Piacentino era stato intercettato al largo del porto spagnolo di Algeciras con a bordo un carico di 800 chili di hascisc. In un'altra circostanza, durante un intervento filmato dalla polizia spagnola, invece, lo skipper era stato costretto a gettare in mare 3 tonnellate di droga.

r.foglia

© riproduzione riservata