Venerdì 26 Febbraio 2010

Arcellasco, come Rosa e Olindo
I D'Elia al lavatoio dell'orrore

ERBA Posto strano il lavatoio di Arcellasco. Ci si arriva dalla Valassina, scendendo lungo la strada che scivola verso il cimitero. È nel cuore di un anfiteatro naturale molto bello, un prato immenso e vecchie cascine. Lo alimenta una roggia energica, che in questi giorni, dopo neve e pioggia, è stracarica d'acqua. Doveva essere così anche allora, la sera del 5 dicembre 2006, quando in fuga dall'appartamento della palazzina della strage di via Diaz, Rosa e Olindo vi si fermarono per lavare via il sangue dai vestiti, ma così era senz'altro anche martedì mattina, quando Carlo D'Elia e suo figlio Emiliano, scendendo da Valbrona, in questo luogo hanno compiuto la stessa, identica operazione. Quando confessando l'omicidio di Antonino Correnti, D'Elia senior gliel'ha raccontato, il pm Massimo Astori ha strabuzzato gli occhi. Quel lavatoio? «Sì, proprio quello».
Gli inquirenti, intanto, sospettano l'esistenza di una seconda arma del delitto, probabilmente un'arma da taglio, uno strumento compatibile con le lacerazioni e le fratture craniche evidenziate sulla nuca della vittima che, prima di essere uccisa con un colpo di pistola sparato a bruciapelo all'altezza della bocca, potrebbe essere stato colpito da dietro le spalle, forse addirittura da una seconda persona.

f.angelini

© riproduzione riservata