Giovedì 04 Marzo 2010

Lotta contro l'alcol
Cantù ora si arrende

CANTU' Sul ponte della lotta all'alcol sventola bandiera bianca. Sta per iniziare un'altra stagione primavera-estate. E alcuni bar hanno pensato di ripartire con le promozioni sugli alcolici. Bevi due birre e ne paghi una. Oppure, rum e succo di pera - il cosiddetto chupito - al prezzo accessibile, davvero per chiunque, di un euro soltanto. Destinatari, come ammette senza problemi qualche barista, i ragazzi. Tutto questo, stride con la battaglia contro il consumo di alcol tra i giovani, ingaggiata l'estate scorsa dall'assessore alla sicurezza.  Andrea Lapenna promette, per l'ennesima volta, controlli. Ma si rende conto che senza la collaborazione dei baristi si può fare ben poco. Pare tramontata anche l'idea del discobus: il comune, primo promotore dell'iniziativa - una navetta per andare a ballare fuori città, ed evitare il rischio di prendere l'auto - anche qui preferisce aspettare input dai baristi. Rimane la vigilanza sul consumo di alcol, per i minori di 16 anni. Forse non così semplice da mettere in pratica. L'"assessore di ferro" si dice deluso da quanto riscontra anche lui stesso in prima persona. «Capita che si vedano ancora queste serate, come le chiama qualcuno, "a tutta birra": due birre cinque euro, una in omaggio - ravvisa Lapenna -: così si fa un torto ai giovani. Iniziative come questa, fanno dispiacere».

f.angelini

© riproduzione riservata