Martedì 16 Marzo 2010

Salatassime e incompresibili
Protesta per le bollette del gas

LOMAZZO Bollette del gas incomprensibili ma, in compenso, salatissime: lomazzesi in rivolta contro la società Italcogim energie, che però ribadisce l'assoluta regolarità e correttezza di tutte le fatturazioni effettuate.
«Io ho ricevuto una bolletta da 850 euro, riguardante un conguaglio per il periodo che va dal 13 marzo 2009 al 15 febbraio 2010 – spiega Giulia Caselli – per quanti sforzi abbia fatto, e dopo aver consultato anche dei professionisti, non sono riuscita ad interpretare i dati che vi erano riportati, ho quindi deciso di contattare  l'associazione Federconsumatori, alla quale si sono rivolte anche altre persone (una decina almeno tra Lomazzo e Cadorago). Ho poi sentito che ci sono in circolazione bollette da 1.800 e 1.200 euro, viene quindi spontaneo chiedersi come facciano a pagare tutti questi soldi in una volta sola, i pensionati o le tante famiglie che, in tempi di crisi, faticano a tirare la fine del mese. Oltre a garantire una maggior trasparenza, la società avrebbe dovuto già prevedere delle dilazioni e magari evitare di effettuare i conguagli proprio alla fine di un inverno che è stato freddissimo, quando le somme da pagare per l'utilizzo del riscaldamento sono inevitabilmente già alte. Anche chi ha comunicato per tempo al call center i dati del proprio contatore  avrebbe riscontrato delle discrepanze riguardo alle somme pagate, sentendosi  in seguito dire dagli  addetti che probabilmente verrà effettuata un'altra fatturazione». Alle tante lamentele il direttore post vendite Stefano Fumi e la responsabile delle operazioni, Monica Iacono, vogliono però rispondere punto su punto: «Le bollette sono state strutturate seguendo le indicazioni obbligatorie date dall'Authorithy, in base alle quali è cioè necessario mettere il maggior numero possibile di dettagli e di voci identificative. Ci rendiamo conto che ciò può finire per disorientare gli utenti ma noi ci siamo impegnati a indicare tutto ciò che è stabilito dalla legge, e ci è, infatti, capitato anche di ricevere i complimenti da alcune associazioni consumatori per la trasparenza garantita. Abbiamo poi fatto il possibile per abbassare gli importi dei conguagli e, per chi si trova in comprovate difficoltà finanziarie, siamo disponibili a concedere delle dilazioni. Abbiamo nel frattempo potenziato il funzionamento del nostro call center, tramite il quale le auto letture degli utenti sono sempre inserite automaticamente, siamo comunque pronti a verificare ogni eventuale problema anche riguardo a quest'ultimo servizio».

f.angelini

© riproduzione riservata