Mercoledì 14 Aprile 2010

"Basta esplosioni
nella cava di Pusiano"

PUSIANO «Ancora una volta il territorio comunale di Pusiano viene considerato come una discarica nella quale liberarsi di tutte le scorie della modernità». Le esplosioni nello spazio della cava in paese non sono ben viste e anche l'assessore alla Comunità montana del Triangolo Lariano, Alessio Colzani, parte della giunta e assessore anche a Pusiano, ha molto da ridire sulla scelta del prefetto di continuare a far brillare ordigni nell'area.
«Purtroppo due anni fa siamo stati costretti a sopportare l'utilizzo dell'ex cava per il brillamento di ordigni recuperati dai fondali del Lago di Como e questo ha causato una serie di danni, problemi e disagi che noi come amministrazione comunale non siamo più intenzionati a sopportare e credo nemmeno i nostri concittadini – spiega Colzani -. A seguito dei brillamenti effettuati si sono avuti forti spaventi, ma anche danni ad abitazioni private con crepe nei muri, caduta di suppellettili, incrinatura di vetri e in generale un senso di frustrazione causato dalla sensazione che il nostro territorio venga considerato solo come pattumiera. I distacchi di materiale dalle pareti della ex cava provocati dalle esplosioni, inoltre, ci hanno obbligati ad intervenire di nuovo per garantire la sicurezza degli spettatori, mettendo a rischio la stagione estiva». Per Colzani si debbono trovare altre aree in cui far esplodere gli ordigni.

f.angelini

© riproduzione riservata