Giovedì 24 Giugno 2010

Cantù, bici e acqua minerale gratis
utilizzando la tessera sanitaria

CANTU' Per agosto dovrebbe finalmente concretizzarsi il progetto di bike sharing che porterà in centro una ventina di biciclette gratuitamente a disposizione dei cittadini. Con la speranza di togliere qualche auto dal cuore di Cantù. E anche prima, già a luglio, sarà operativa anche la casetta dell'acqua dove spillare bottiglie, appunto, d'acqua potabile microfiltrata, se aggrada anche con un surplus di bollicine. E ancora gratuitamente, almeno all'inizio.
Due progetti ai quali l'assessorato all'ambiente guidato da Claudio Ferrari è al lavoro dal 2009, e che ci si augurava di attuare prima. Ma i tempi burocratici hanno rallentato parecchio le buone intenzioni. Sul versante delle biciclette a noleggio a costo zero, pubblicato nei mesi passati il bando per le aziende interessate a fornire i mezzi, in tre hanno risposto. Il che significa, conferma Ferrari, che ora si procederà con la gara di prassi e quindi con l'installazione. Il tutto, pur con la volontà di accorciare i tempi, dovrebbe richiedere un paio di mesi. Progetto che prevede di dislocare per il centro una ventina di biciclette, distribuite in tre stazioni nelle aree limitrofe al centro, largo XX Settembre, corso Unità d'Italia e via Manzoni - dove traslocherà il mercato del sabato – in quest'ultima, in particolare, troveranno posto alcune bici dotate di motorino elettrico. «Il servizio sarà completamente gratuito per i cittadini – spiega Claudio Ferrari – e per noleggiare una bicicletta basterà avere con sé la carta regionale dei servizi e inserirla in un apposito lettore che consentirà di identificare l'utente.
Nel parcheggio di via Manzoni sono intanto partiti i lavori per la realizzazione della casetta dell'acqua, un punto di erogazione di acqua di rete microfiltrata, a scelta anche addizionata con anidride carbonica.  Anche in questo caso i residenti di Cantù potranno rifornirsi senza sborsare quattrini, “qualificandosi” con la carta dei servizi. Almeno all'inizio.

m.butti

© riproduzione riservata