Domenica 25 Luglio 2010

Animalisti alla festa dell'oratorio
per difendere il criceto

MAGREGLIO Gli animalisti irrompono alla festa dell'oratorio dove, in quel momento, era in corso un gioco che coinvolgeva un criceto, un gioco che - secondo i volontari della protezione animali - si configura come un vero e proprio maltrattamento. Meglio interrompere, dunque, così come decidono di fare animatori e genitori. Evitando, in questo modo, che la vicenda potesse avere altre conseguenze, come una vera e propria denuncia proprio per maltrattamento di animali.
Può sembrare un episodio inverosimile ma è accaduto realmente, giovedì sera poco dopo le 20.30 presso il palazzetto dello sport del paese. Qui ogni anno si tiene l'oratorio estivo, organizzato dalla parrocchia, e tra gli innocenti giochi proposti la fantasia degli animatori ha portato ad predisporre quello che è un classico dell'intrattenimento per i più piccoli. In una scatola delle scarpe ecco il piccolo criceto, su altre i numeri corrispondenti ai bambini con la possibilità di vincere diversi premi. L'animale viene lasciato libero e sceglie la scatola in cui portarsi, decidendo così il vincitore del premio. Niente lotta di galli, né corsa dei cani, meno che meno si parla di un'arena con i tori. Il piccolo animale non subisce maltrattamenti, e magari a fine serata riceve il suo cibo e si ritira con una cricetina.
Il gioco è semplice e nelle sagre di paese fino a pochi anni fa era quasi una consuetudine.
A Magreglio però, alla festa dell'oratorio, ecco spuntare la protezione animali che blocca il divertimento dei bambini. I
Strano che quanto successo a Magreglio giovedì segua l'estate dei Mondiali del polpo Paul, assoluto protagonista con un gioco simile a quello intavolato in paese. Il polpo tra due bussolotti sceglieva la squadra vincente di una partita della competizione. Per lui gli onori delle cronache, la devozione tedesca e la soddisfazione spagnola. La sua piccola dote di gloria, il cricetino di Magreglio se l'è dovuta invece scordare

f.angelini

© riproduzione riservata