Lunedì 26 Luglio 2010

Alla regata Larioinvoga
arrivano anche i vichinghi

GRAVEDONA Solito grande entusiasmo, domenica, per Larioinvoga, la regata dell'Associazione remiera di Gravedona, giunta quest'anno alla sedicesima edizione. In acqua, come sempre, sono scesi i più svariati tipi di imbarcazioni: canoe, filanti armi del canottaggio, lucie ed altre barche a remi. Ma l'autentica attrazione è stata una perfetta riproduzione di una barca vichinga con 14 rematori a bordo. Consueto spettacolo alla partenza, con un po' di vento a increspare l'acqua che ha reso ancora più  scintillante l'effetto del sole sull'acqua. «Abbiamo avuto anche quest'anno numerosi stranieri, alcuni dei quali talmente affezionati a Larioinvoga da scegliere un periodo di ferie apposta in questo periodo - afferma, in attesa del rientro della barche da Dongo, un  soddisfatto Walter Mucci (segretario dell'Associazione eemiera) - . La nostra manifestazione è stata concepita come una festa per gli appassionati di lago e di barche e lo spirito dei partecipanti è sempre quello giusto. Al termine, dopo un gustoso pranzo preparato dagli Alpini di Gravedona, ci sono premi per tutti. Larioinvoga è ormai entrata a far della tradizione locale e già si pensa a ritrovarsi il prossimo anno.

f.angelini

© riproduzione riservata