Lunedì 26 Luglio 2010

Cantù, controlli a sorpresa
per i locali pubblici rumorosi

CANTU' Le visite della polizia locale? Non annunciate. Poco garbato, forse, ma si spera efficace. Visite ai locali pubblici cittadini, per verificare che dopo le 2 le serrande siano regolarmente abbassate. E per quanto riguarda quel che accade dopo quel momento, l'idea di istituire un'ordinanza che vieti l'assembramento fuori dai locali non è stata definitivamente in un cassetto, anzi.
Lotta a fracassoni e maleducati quella ingaggiata dall'assessorato alla sicurezza quest'estate, che con l'alzarsi delle temperature e la partenza di molti per le ferie non pare mollare la presa. Primo provvedimento, controlli a sorpresa alle ore piccole, per cogliere sul fatto chi bivacchi rumorosamente fuori da bar e pub e chi cerchi di aggirare un po' troppo disinvoltamente gli orari imposti per chiudere il locale. «Finora – spiega l'assessore Lapenna – i pattugliamenti effettuati con questo obiettivo, e protratti fino alle 4 del mattino, si sono svolti il sabato. Peccato, però, che dai cittadini arrivino poi massicce le lamentele in merito ad altre notti, per esempio il venerdì». «A questo punto – prosegue – sono arrivato a consigliare ai cittadini di organizzare delle raccolte di firme. E' chiaro che il referente ultimo è sempre l'amministrazione comunale, ma ovviamente se arriva una segnalazione da parte di una sola persona, per quanto degna d'attenzione, può trattarsi di sensibilità personale. Ma se a decine fanno lo stesso, evidentemente c'è qualcosa che non va».
Nei mesi scorsi proprio Lapenna avanzò l'ipotesi di emettere un'ordinanza per vietare gli assembramenti all'esterno dei locali dopo una certa ora, uno strumento per permettere a tutte le forze dell'ordine di intervenire in caso di segnalazione. «Ne stiamo valutando attentamente la fattibilità – ammette – anche perché, trattandosi di una questione di ordine pubblico, l'interlocutore è la Questura. Ma se non risconteremo ostacoli particolari, l'intenzione è attivarla davvero».

m.butti

© riproduzione riservata